L’ascesa di Proxima, di Brandon Q. Morris

Sono da sempre un grande appassionato si fantascienza e, quindi, è un po’ naturale che alla fine, facendo il traduttore, mi sia capitato di lavorare anche con questo genere.

Brandon Q. Morris (pseudonimo di Matthias Matting) è un fisico e autore di romanzi hard sci-fi. Questo sottogenere della fantascienza, in italiano conosciuto anche come “fantascienza tecnologica”, enfatizza particolarmente gli aspetti scientifici e tecnologici. Mi direte: “Ma la fantascienza si occupa sempre di scienza e tecnologia!”, il che è vero. Quello, però, che contraddistingue questo genere e la grande accuratezza scientifica con cui tali temi sono trattati. Per cui, nei romanzi di questo genere non si troveranno astronavi che superano la velocità della luce o altri concetti che non hanno riscontro nella conoscenza scientifica attuale. Tra gli autori che hanno scritto romanzi di questo genere possiamo ricordare Arthur C. Clarke, Nancy Kress e Stanislaw Lem, per citarne solo alcuni.

Il romanzo citato nel titolo, L’ascesa di Proxima, è il primo di una trilogia.
Verso la fine del XXI secolo, la terra è raggiunta da un messaggio inviato dalla nostra stella più vicina, Proxima Centauri. Per la precisione da un pianeta di quel sistema solare, Proxima Centauri b. Il messaggio è una richiesta d’aiuto. Gli astrofisici ipotizzano che un enorme brillamento solare stia per distruggere la sconosciuta civiltà che ha inviato il messaggio. I programmi spaziali terrestri, però, non sono abbastanza sviluppati per aiutare. L’unico che prende l’iniziativa è un miliardario russo senza scrupoli che, in segreto, invia una particolare astronave verso il pianeta a quattro anni luce di distanza.

Tradotto per la prima volta in italiano, L’ascesa di Proxima è disponibile su Amazon in edizione e-book o copertina flessibile.

Brandon Q. Morris è autore della quadrilogia della Luna ghiacciata e della trilogia di Marte.

2 pensieri su “L’ascesa di Proxima, di Brandon Q. Morris

Esprimi il tuo pensiero