La locanda delle due streghe e altri racconti, di Joseph Conrad

Tradotto per Edizioni Theoria nel 2021.

“Erano orribili. C’era qualcosa di grottesco nella loro decrepitezza. Le loro bocche sdentate, i nasi a uncino, la magrezza di quella attiva e le guance gialle e pendenti dell’altra (quella ferma a cui tremava la testa) sarebbero stati ridicoli se la vista del loro orrendo degrado fisico non fosse stata scioccante per gli occhi […]”

Questo volume raccoglie in realtà quattro racconti dell’autore polacco: Amy Foster, Domani, La locanda delle streghe: una scoperta e Il Socio. Scritti nell’arco di dodici anni, i protagonisti di questi racconti hanno nazionalità e parlano lingue molto diverse gli uni dagli altri. Vediamo dunque l’essenza dell’arte di Conrad: collegare ogni uomo al proprio simile attraverso i sogni, i piaceri, le speranze e i terrori che conducono l’essere umano verso il proprio ineluttabile destino. Sono storie di conflitti che sfumano dal bene al male in un continuo rimpallo di colpe e castelli di menzogne i quali preparano all’emergere della verità che recide brutalmente speranze e illusioni. 

Esprimi il tuo pensiero